Lezione 2 of 2
In Corso

“TACITO ORROR DI SOLITARIA SELVA”

“Tacito orror di solitaria selva” è una delle tragedie più famose scritte da Vittorio Alfieri, uno dei grandi drammaturghi italiani del XVIII secolo. Quest’opera è un esempio eccellente della sua poetica tragica e del suo impegno per l’indipendenza italiana. La trama di questa tragedia è ambientata nella foresta di Canneto, dove il protagonista, Alvaro, vive un profondo isolamento, inseguito dai sensi di colpa per un omicidio commesso nel passato. L’opera esplora temi centrali come la colpa, la redenzione e il confronto con la propria coscienza. La “solitaria selva” è un simbolo potente dell’isolamento e della tormentata interiorità del protagonista, un uomo tormentato dai fantasmi del suo passato. La pièce si sviluppa attraverso monologhi intensi e riflessioni profonde, tipiche dello stile di Alfieri, che mettono in luce la lotta dell’individuo contro il proprio destino e il senso di colpa. L’opera di Alfieri, in generale, è nota per la sua poetica tragica e la sua aspirazione all’indipendenza italiana. I suoi drammi sono un riflesso dei turbolenti eventi politici del suo tempo, contribuendo a plasmare l’identità nazionale italiana. In sintesi, “Tacito orror di solitaria selva” è una delle opere più significative di Vittorio Alfieri, in cui la solitudine del protagonista si fonde con le tematiche tragiche e filosofiche che hanno caratterizzato l’opera di questo importante drammaturgo italiano. #VittorioAlfieri #TacitoOrror #Tragedia #Isolamento #Colpa #Redenzione #LetteraturaItaliana